Medicina estetica del viso: radiofrequenza ed elettroporazione

La radiofrequenza è un trattamento ambulatoriale non invasivo che prevede il ricorso alle onde elettromagnetiche ad alta frequenza, le quali convogliano nella zona da trattare calore controllato. L’energia termica emessa dal macchinario penetra in profondità, senza danneggiare gli strati superficiali dell’epidermide. Esercita diversi effetti benefici:

-stimola l’attività dei fibroblasti, le cellule produttrici di collagene, elastina e acido ialuronico, le sostanze che danno sostegno alla pelle, la idratano, la rendono elastica e tonica;

-provoca un immediato accorciamento delle fibre collagene ed elastiche, generando un effetto di tensione cutanea;

–migliora il microcircolo, aumentando l’ossigenazione della pelle che così appare più compatta e lucente;

-rafforza il tessuto connettivo, pelle, tendini e legamenti;

-promuove un meccanismo di lipolisi indotta, ossia di parziale svuotamento volumetrico della cellula adiposa.

L’Elettroporazione è uno dei sistemi più efficaci per far penetrare nel derma farmaci e trattamenti estetici. Moltissime persone, infatti, decidono ogni anno di sottoporsi a questa interessante terapia semplice, veloce e soprattutto indolore.

Un manipolo apposito contenete il farmaco prescelto verrà passato nelle zone che il paziente desidera migliorare con lo scopo di elevarne la qualità estetica. Filler come l’acido ialuronico oppure il collagene potranno penetrare all’interno di rughe o solchi proprio grazie all’azione semplice ed efficace dell’elettroporazione.

Naturalmente l’utilizzo dell’elettroporazione non si limita soltanto alle rughe del volto ma abbraccia un più ampio spettro di inestetismi e disturbi clinici. Può andare benissimo per trattare discromie cutanee oppure una perdita generale di tonicità andando a ripristinare i contorni dell’ovale e appiattendo i solchi nasolabiali restituendo un aspetto più giovane e riposato.